otranto-salento-cosa-vedere

A spasso per Otranto

Una piccola città, chiusa nelle sue mura, che affaccia sul mare.

Porto rivolto a oriente da tempi immemorabili, centro di commerci di livello internazionale da secoli.

Otranto è un faro di cultura già nei primi secoli del secondo millennio, con l’Abbazia di San Nicola di Casole. I suoi fondatori, monaci basiliani di rito greco, furono amanuensi capaci di costruire una delle biblioteche più grandi del mondo occidentale. La sua storia finì brutalmente nel 1480 per mano dei saraceni di Achmet Pascià che proprio da Casole iniziarono la conquista ed il saccheggio di Otranto e delle terre limitrofe.

Nel 1080, grazie al Re normanno Ruggero I e la volontà dell’arcivescovo Guglielmo, si pose inizio all’edificazione della Cattedrale di Otranto, magnifico monumento costruito in pochi anni e già consacrato nel 1088 sotto il pontificato di Papa Urbano II.

Un altro Arcivescovo, Gionata, fu il committente del mosaico pavimentale della Cattedrale, rappresentante l’albero della vita, uno dei pavimenti musivi più grandi e ammirati del mondo. La sua realizzazione è opera di un monaco, Pantaleone, che vi lavorò intensamente per due anni fra il 1163 e il 1165.

Dopo l’invasione e la rovina saracena del 1480 Otranto è risorta grazie agli Aragonesi che al comando di Alfonso, Duca di Calabria e figlio del Re di Napoli Ferdinando I, pose l’assedio alla città e la riconquistò il 12 Agosto del 1481, dando poi impulso alla costruzione del castello e delle mura fortificate ancor oggi ampiamente visibili e fruibili.

La città rinacque con il suo porto e torn ad essere un faro rivolto ad Est, punto di approdo e di scambi commerciali e culturali fittissimi con tante terre e popoli d’oriente.

Negli anni più recenti la cittadina è diventata uno dei centri turistici più rinomati e frequentati del Salento, autentica perla di bellezza ed ospitalità. Le stradine che si diramano dal Castello al lungomare sono disseminate di botteghe artigiane, negozietti di souvenir tipici del Salento, bar, ristoranti, pub dove assaggiare le meraviglie culinarie della nostra terra.

Sul lungomare, diversi ristoranti di pesce, alcuni lidi attrezzati e una spiaggia libera.

Otranto è anche uno dei principali porti turistici di partenza per le escursioni in barca in Salento.

Il viaggio in Salento parte da qui, dalla tua casa vacanze Salento La Manceddha. Le valige sono pronte?

Comments are closed.